Select Page

Come Allenare i Dorsali

Come Allenare i Dorsali

Ciao, oggi rispondo a Luca (e mi scuso per il ritardo) mostrando come sia possibile Allenare i Dorsali senza attrezzi e senza palestre ma utilizzando un semplice tavolo da cucina. È chiaramente

un’alternativa a tantissime altre soluzioni ma per eseguire trazioni orizzontali può essere un’idea.

Buon allenamento!!!

Photo Credit: Marco Crupi Visual Artist via Compfight cc

About The Author

Dottore in scienze motorie laureato presso l’università di Urbino e grande appassionato di sport e allenamento. Da 15 anni svolge il ruolo di preparatore atletico di basket e da vent’anni si occupa di allenamento ( è stato preparatore del Fossombrone Basket B1, Urbania Basket C1 ). Ha curato la preparazione atletica di molti ragazzi che attualmente giocano in serie “A” e fa il consulente per diverse squadre sportive. Dal 1995 ricopre il ruolo di Coordinatore Scuola Nuoto e istruttore di nuoto presso la piscina di Fossombrone e per due anni ha svolto il ruolo di assistente di nuoto presso la facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Urbino. Personal Trainer, esperto in allenamento funzionale sia a corpo libero sia con piccoli attrezzi, acqua-training, kettlebell-training, nutrizione e strenght&conditional coach per atleti di qualsiasi disciplina sportiva. È un grande sostenitore dell’allenamento a corpo libero, che considera il più naturale e completo per raggiungere il benessere del corpo. Per eliminare i chili in eccesso, cambia continuamente metodi di allenamento perché, sostiene: “ è la strada migliore per asciugare il fisico e ritrovare il piacere di allenarsi! ”. Ha ideato molti programmi brevi e intensi, che si adattano perfettamente alla frenesia della vita moderna e che se eseguiti nel modo giusto danno dei risultati straordinari.

4 Comments

  1. Grazie Simone, sempre prezioso!!!
    Il problema è che a casa non ho un tavolo del genere per motivi di spazio. Proverò il movimento con la sbarra intra-porta messa bassa, nella speranza che tenendo meno peso non si rompa la porta. Grazie ancora.

    Rispondi
    • Di niente! Si, potrebbe essere una soluzione!
      A presto

      Rispondi
  2. Ciao Simone, un suggerimento su come inserire al meglio questo esercizio all’interno di un circuito, grazie.
    Un saluto ed ancora complimenti.
    Luca.

    Rispondi
  3. Ciao Luca, scusa il ritardo ma sono stato un pò impegnato. Puoi tranquillamente inserirlo in un circuito e fare 10 ripetizioni x 3 serie. Personalmente lo metto sempre per bilanciare il lavoro sui pettorali (piegamenti) perchè non bisogna mai trascurare l’equilibrio del nostro corpo. Se, per esempio, fai un circuito composto da 6 esercizi questo lo inserisci per la schiena (squat-gambe, crunch-addominali, piegamenti-petto e spalle, lombari, posture core, trazioni-dorsali o schiena). Puoi eseguire 10 ripetizioni per esercizio senza pausa, recuperare 1 minuto e 30 secondi e ripetere il circuito 6-8 volte. Oppure inserirlo in un allenamento classico e fare, come detto sopra, 10 ripetizioni per 3 serie con un minuto di recupero. Spero di esserti stato utile.
    A presto

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri i miei Ebook

Newsletter

Commenti recenti